HomeNerviano Medical Sciences: nuovi trattamenti personalizzati in studio, attivi sulla leucemia mieloide acuta, sui tumori gastrointestinali e su quelli femminili con innovative opportunità sui processi riparatori del dna

Nerviano Medical Sciences: nuovi trattamenti personalizzati in studio, attivi sulla leucemia mieloide acuta, sui tumori gastrointestinali e su quelli femminili con innovative opportunità sui processi riparatori del dna

Nerviano, 21.04.2015

Efficacia nella leucemia e nessuna cardiotossicitào resistenza alla mutazione “gatekeeper” per NMS-P088 e diverse opportunità tra gli inibitori PARP-1, attivi per i tumori del seno e dell'ovaio con mutazione del gene BRCA1 e BRCA2. Presentata, inoltre, la stabilizzazione di una linea cellulare del cordoma, importante per la conoscenza della patologia e la ricerca di nuove cure.

Presentati dai ricercatori di Nerviano Medical Sciences al meeting annuale dell’American Association for Cancer Research in corso a Philadelphia i dati sull’efficacia e la tollerabilità di nuove molecole - candidati trattamenti della leucemia mieloide acuta, dei tumori gastrointestinali, del tumore al seno e di quello ovarico - che agiscono come potenti inibitori della crescita delle cellule tumorali attraverso specifici bersagli molecolari.

La molecola denominata NMS-P088 - sviluppata interamente nei laboratori di Nerviano - è un inibitore potente e selettivo di entrambe le chinasi FLT3 e KIT, le cui mutazioni sono coinvolte nella patogenesi della leucemia mieloide acuta (LMA), dei tumori stromali gastrointestinali (GIST), oltre che di altri tumori solidi tra cui alcuni sottotipi di melanoma.

L’impegno di Nerviano Medical Sciences nella ricerca e nello sviluppo di un trattamento per leucemia mieloide acuta, in particolare, rappresenta la risposta ad un importante bisogno clinico ad oggi insoddisfatto. Nell’LMA, infatti, non esistono ad oggi alternative terapeutiche per la cura dei pazienti, frequentemente giovani, che presentano la chinasi FLT3 costitutivamente attivata e che non rispondono alla chemioterapia.
A riguardo, le evidenze presentate a Philadelphia dimostrano che in questa patologia NMS-P088 ha un’ottima e selettiva attività inibitoria della crescita tumorale, associata ad un buon profilo di tollerabilità e ad una buona sinergia con la chemioterapia e suggeriscono, quindi, una possibile e più efficace combinazione con i trattamenti standard.
Nei tumori stromali gastrointestinali (GIST) NMS-P088 si è dimostrato invece più attivo e potente anche a dosi minori rispetto al farmaco attualmente indicato per questa patologia.

Più in generale, il profilo di NMS-P088 ha evidenziato di non generare cardiotossicità (compreso il prolungamento dell’intervallo QT) e di non sviluppare resistenza alla mutazione “gatekeeper” (come di solito avviene nei pazienti che presentano questa specifica mutazione che risultano resistenti a tutti gli inibitori di chinasi approvati e, quindi, più difficili da curare). Sono in fase di completamento gli studi per l’avviamento della sperimentazione clinica.

Un ulteriore filone della ricerca di Nerviano Medical Sciences presentato all’AACR meeting è quello relativo agli inibitori degli enzimi denominati PARP, che sono implicati nella replicazione e nel riparo del DNA e che risultano efficaci, ad esempio, nel trattamento dei tumori del seno e dell’ovaio con mutazione del gene BRCA1 e BRCA2.

Tra questi gli inibitori selettivi di PARP-1 in grado di non inibire nel contempo PARP-2 che sono in studio presso il Centro risultano dall’eccellente profilo farmacocinetico, più efficaci in termini di migliore Time To Progression e con un migliore profilo di tossicità rispetto all’unico inibitore di PARP approvato per pazienti affette da carcinoma ovarico, recidivante, legato a mutazione BRCA.

Inoltre, gli studi su linee cellulare di diversa origine, incluse quelle con la mutazione BRCA e quelle resistenti ai chemioterapici standard indicano un profilo di attività unico che può fornire ulteriori innovative opportunità terapeutiche nell’ambito dei processi di riparazione del DNA.
A riguardo sono attualmente in corso studi traslazionali e di bioinformatica volti ad individuare ulteriori sensibilità all’attività di questi inibitori selettivi e le relative specifiche popolazioni di pazienti.

Nell’ambito dell’evento gli scienziati hanno presentato anche un importante caso di stabilizzazione e caratterizzazione di una linea cellulare del cordoma, realizzato nei laboratori di Nerviano in collaborazione con l’Istituto dei Tumori di Milano che rappresenta oggi un’eccellenza mondiale per il trattamento di questo tumore molto raro dell’osso, per il quale non esistono terapie farmacologiche approvate. In questo ambito una nuova linea cellulare stabilizzata permetterà di studiare al meglio questa rara patologia, testare in modo rapido e ottimale l’attività e l’efficacia delle molecole in studio, comprendendone nel contempo il meccanismo d’azione.

Reference

Establishment and characterization of the new sacral chordoma cell line Chor-IN-1
Authors: Paola Magnaghi et al
Meeting: AACR Annual Meeting 2015, Abstract number 74
Presentation Time: Sunday, Apr 19, 2015, 1:00 PM - 5:00 PM

NMS-P088, a dual FLT3-KIT inhibitor active also on gatekeeper mutations and devoid of QTc prolongation
Authors: Ciomei, M et al
Meeting: AACR Annual Meeting 2015, Abstract number 798
Presentation Time: Sunday, Apr 19, 2015, 1:00 PM - 5:00 PM

Preclinical characterization of the novel TTK kinase inhibitor S81694 for the treatment of triple negative breast cancer
Authors: Riccardo Colombo et al
Meeting: AACR Annual Meeting 2015, Abstract number 1638
Presentation Time: Monday, Apr 20, 2015, 8:00 AM -12:00 PM

Preclinical characterization of NMS-P648, a novel and potent PARP-1/-3 inhibitor
Authors: Alessia Montagnoli et al
Meeting: AACR Annual Meeting 2015, Abstract number 2851
Presentation Time: Monday, Apr 20, 2015, 3:50 PM - 4:05 PM
Oral presentation: PARP and DNA Repair Inhibitors (Minisymposium)
Session Start/End Time: Monday, Apr 20, 2015, 3:00 PM - 5:00 PM
Location: Room 108, Pennsylvania Convention Center