Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

News

MediaPharma Licenses Nerviano Medical Sciences’ Drug-Linker Technology to Develop Novel Antibody Drug Conjugate

Reiden (Switzerland), Chieti (Italy) and Nerviano (Italy) – 07 September 2016 – MediaPharma (MP), a biotech company focusing on the discovery and development of monoclonal antibodies, bispecifics and antibody drug conjugates (ADCs) against new targets in oncology and Nerviano Medical Sciences (Nerviano), a company of the NMS Group dedicated to the discovery and development of breakthrough treatments for cancer, today announce that they have signed a license and a supply agreement that will allow MP to develop Nerviano’s ‘payload’ (drug-linker) technology on a MP-exclusive target for an ADC designed to meet unmet needs in the field of cancer.

As a result of this agreement, Nerviano will receive undisclosed fees, development linked milestones and royalties for granting MP access to its technology. Nerviano will lead the effort in the manufacture and supply of its payload technology.

Nerviano’s payload technology of new DNA intercalating agents is based on a proprietary thienoindole scaffold, characterized both by potent antitumor activity and by physicochemical properties that are highly compatible with deployment as antibody payloads. Nerviano’s core technologies in the field further include: medicinal chemistry expertise, know-how for establishing proof of concept, GMP manufacturing of payloads as well as efficacy and safety profiling of ADC’s.

Jean-Frédéric Sauniere, M.D., Ph.D., Chief Executive Officer at MediaPharma, commented: “This collaboration with NMS brings to Mediapharma great assets to complement our expertise in immuno-oncology, in particular for the creation of new ADCs against key targets and therefore offering hope for our patients ”

Stefano Iacobelli, M,D. Co-founder and Chief Scientific Officer at MediaPharma, commented: “Antibody-Drug Conjugates (ADCs) are a developing area of cancer drug technology that offers selective targeting of cancer cells. This targeted ADC approach has the potential to optimize the delivery of the cancer drug to the tumor. This means that, in contrast to traditional chemotherapy these novel agents target and attack the cancer cell so that healthy cells are less severely affected. So far, three ADCs have been approved for cancer treatment, but all leading Pharmas are in the process of developing and launching ADCs therapeutics."

Barbara Marenco, President of Nerviano Medical Sciences, commented: “We are very pleased to have signed this licensing deal with MediaPharma. This new agreement marks an additional achievement in our strategic alliances objectives and we are excited about the prospect of expanding the potential of our payload technology platform through new valuable collaborations.”

 

 

Dalla ricerca italiana entrectinib: grande efficacia e tollerabilità, selettivo contro diversi tumori, ora in fase II in Europa e USA

Milano (Italia), 23 maggio 2016 – Considerato uno dei farmaci più interessanti al recente congresso AACR -American Association for Cancer Research- di New Orleans, entrectinib, che inibisce selettivamente gli oncogéni TKR, ROS e ALK, è nato nel Centro Ricerche di Nerviano e sviluppato in collaborazione con l'Istituto Nazionale dei Tumori e l’Ospedale Niguarda.

La ricerca “made in Italy” ha prodotto un farmaco potente e selettivo, un ottimo esempio di medicina di precisione, che grazie alla sperimentazione congiunta tra il Centro Ricerche di Nerviano, l’Istituto Nazionale dei Tumori e il Niguarda Cancer Center, ha mostrato, nell'ambito di uno studio di Fase I, un’ottima tollerabilità e un'intensa efficacia clinica in pazienti con tumori di diverso tipo, selezionati in base al profilo molecolare. I dati sono stati presentati al Meeting annuale dell'Associazione Americana per la Ricerca sul Cancro (AACR) ed è già attiva la Fase II della sperimentazione clinica che potrà portare alla registrazione del farmaco.


La molecola è frutto della ricerca innovativa di Nerviano, basata sulla piattaforma chinasica, in grado di generare molecole selettive per i diversi bersagli chinasici attivati. Entrectinib inibisce selettivamente le chinasi TRK, ROS e ALK, presenti in tumori del polmone, del colon, nel neuroblastoma e in molti altri tumori solidi, seppure con basse frequenze. Ciascuna di queste chinasi può diventare un oncogene in conseguenza di alterazioni del DNA che ne inducono l’espressione e l’attivazione in alcuni specifici tumori. I tumori portatori delle chinasi riarrangiate ed attivate sono dipendenti da queste per la proliferazione e la sopravvivenza e l’inibizione da parte di entrectinib ne causa la morte cellulare. I pazienti idonei al trattamento vanno identificati attraverso uno screening molecolare del tumore, che confermi la presenza del riarrangiamento di uno dei bersagli del farmaco.

Recentemente, nel corso del meeting AACR di New Orleans, sono state presentate le ottime risposte osservate dopo trattamento con entrectinib durante i primi due studi di fase I su un totale di 119 pazienti, dove si è osservato un tasso di risposta oggettivo del 72%. In particolare, il 79% dei pazienti trattati per la prima volta con un inibitore di chinasi ha risposto al trattamento con il farmaco. Le risposte sono state osservate in diverse tipologie di tumori, quali il tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC), nel carcinoma delle ghiandole salivari simil mammario MASC, nell'astrocitoma, nel carcinoma del colon-retto, nel carcinoma a cellule renali, nel melanoma e nel fibrosarcoma infantile, tutti portatori di oncogéni TRK, ROS o ALK.

"Le risposte ad entrectinib, la molecola nata dalla sperimentazione nei nostri tre centri italiani, sono state sorprendenti.  commenta il professor Filippo De Braud, direttore del Dipartimento e della Divisione di Oncologia Medica dell’Istituto Nazionale dei Tumori La maggior parte di queste risposte sono state osservate sin dal primo momento temporale in cui erano state previste, tra le 4 e le 8 settimane". Inoltre, la maggior parte dei pazienti ha avuto una risposta alla terapia in corso per 6 mesi, in molti casi per più di un anno. Un paziente continua a rispondere dopo più di 2 anni.

“La medicina di precisione si può fare per davvero, anche in Italia, quando si mettono a sistema le diverse competenze esistenti e si sviluppa un linguaggio comune tra ricercatori e clinici che è alla base della ricerca traslazionale, fondamentale per lo sviluppo dei nuovi farmaci. In questo senso, centri come l’Ospedale Niguarda con il Niguarda Cancer Center si sono dimostrati una piattaforma formidabile per questa e altre terapie oncologiche di precisione” commenta il professor Salvatore Siena, direttore del Dipartimento di Ematologia e Oncologia del Niguarda Cancer Center e professore di Oncologia Medica dell’Università degli Studi di Milano.

“Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti ad oggi – aggiunge il dottor Andrea Agazzi, presidente di NMS Group.  Lo sviluppo di entrectinib, proprietà intellettuale di Nerviano Medical Sciences, rappresenta, infatti, un esempio concreto della capacità del nostro Gruppo di unire ad una scienza eccellente la capacità di gestire i complessi processi necessari a trasformare una scoperta iniziale in un farmaco innovativo. Per entrectinib c’è ancora strada da fare ma la direzione e la strategia ci sembrano quelle giuste. In tutto questo non dimentichiamo il valore di fare Impresa in un territorio davvero ricco di eccellenze, come quelle che ci stanno accompagnando per entrectinib.”

“Uno dei più importanti successi della nostra ricerca è stata l’ottimizzazione preclinica del farmaco, con l'obiettivo di renderlo in grado di attraversare la barriera emato-encefalica dei pazienti, obiettivo raggiunto con entrectinib”   commenta la dottoressa Elena Ardini, responsabile del progetto presso il Centro ricerca di Nerviano Medical Sciences. I pazienti con un tumore primario al cervello o con metastasi cerebrali hanno sperimentato l'eccezionale attività intracranica del farmaco. In un caso presentato all’AACR, un paziente con NSCLC ha mostrato addirittura una forte riduzione del 47% del volume nel tumore del polmone dopo 26 giorni, e allo stesso tempo, le metastasi cerebrali sono completamente scomparse. Dopo quasi un anno, le lesioni polmonari sono diminuite del 79%, e le lesioni cerebrali non si sono ripresentate.

Sulla base dei dati ottenuti finora, è già iniziata la fase II della sperimentazione mondiale di entrectinib, potenzialmente registrativa, aperta ai pazienti con un oncogéne NTRK, ROS1, o ALK, nella quale continueranno ad essere coinvolti anche i centri italiani.


 
AACR meeting 2016: Nerviano Medical Sciences presents data on two novel, potent and highly selective anti-tumor agents.

Nerviano, Italy, April 14th – Nerviano Medical Sciences will present two posters at the American Association for Cancer Research (AACR) Annual Meeting 2016, April 16-20, New Orleans, Louisiana, USA.
New data will be presented regarding a novel potent and highly selective PARP-1 inhibitor, that potentially represents a significant advancement over currently available agents, which target both PARP-1 and -2. NMS-P293 is selectively active on tumor cell lines defective in the HR DNA repair pathway, such as BRCA and pTEN mutated lines, while sparing DNA repair proficient cells and normal myelocytes. Its highly favorable preclinical characteristics make this compound a promising candidate for further development.

 
The second presentation regards novel, potent and selective ATP-competitive MELK kinase inhibitors identified by means of high-throughput screening of the Nerviano Medical Sciences proprietary compound collection. MELK gene expression levels correlate inversely with poor prognosis in breast cancer, prostate cancer and glioblastoma patients, with recent findings also underlining the oncogenic role of this kinase in triple negative breast cancer (TNBC), a category of high-grade and invasive tumors.
 
Presentation title: NMS-P293, a novel potent and selective PARP-1 inhibitor with high antitumor efficacy and tolerability
Authors: Alessia Montagnoli et al
Meeting: AACR Annual Meeting 2016, Abstract number 1223
Presentation Time: Monday, Apr 18, 2016, 8:00 AM -12:00 PM

Presentation title: 3795: Novel and selective MELK kinase inhibitors active in breast cancer cell lines
Authors: Patrizia Carpinelli et al
Meeting: AACR Annual Meeting 2016, Abstract number 3795
Presentation Time: Tuesday, Apr 19, 2016, 1:00 PM - 5:00 PM

The full abstracts can be found on the conference website: http://www.aacr.org
 
Oxford BioTherapeutics licenzia da Nerviano Medical Sciences una tecnologia “Drug-Linker” per...
Oxford, UK; San Jose (CA) USA e Nerviano, Italia - 4 Aprile 2016 – Oxford BioTherapeutics (OBT), una società che sviluppa innovativi anticorpi coniugati (Antibody Drug Conjugates, ADC) per la cura dei tumori e Nerviano Medical Sciences (NMS), annunciano la firma di un accordo di licenza che permetterà a OBT di utilizzare una nuova tecnologia Drug-Linker di NMS con l’obiettivo di ampliare il proprio portfolio di ADC, concepito per offrire una risposta ai numerosi unmet needs in oncologia.

In particolare, grazie a tale accordo OBT prende in licenza da NMS una tecnologia utile per sviluppare un nuovo ADC su un target esclusivo e potrà valutare lo sviluppo di ulteriori candidati ADC che dimostreranno un favorevole profilo di efficacia/tollerabilità e per i quali OBT potrà eventualmente esercitare opzioni di ulteriori licenze da NMS su possibili nuovi target esclusivi. Secondo l’accordo, NMS riceverà da OBT compensi per l’accesso alla tecnologia, milestones legate ai successi delle varie fasi di sviluppo e royalties. NMS produrrà e garantirà la fornitura della tecnologia Drug-Linker.
 
L’attuale pipeline di ADC di OBT è stata generata utilizzando la piattaforma proprietaria “OGAP”®, che comprende nuovi anticorpi e comprovate tecnologie Drug-Linker ottenute da società leader di settore. L’accordo con NMS permetterà a OBT di accedere ad un’innovativa tecnologia derivata da analoghi della duocarmicina di nuova generazione.
 
La tecnologia Drug-Linker di NMS è costituita da nuovi composti a struttura tienoindolica proprietaria intercalanti il DNA. Tali composti sono caratterizzati sia da una potente attività tumoricida che da proprietà fisico-chimiche particolarmente convenienti per la loro coniugazione con gli anticorpi terapeutici. Le competenze chiave dei ricercatori di NMS in questo campo includono attività di chimica medicinale, la definizione del “proof of concept” terapeutico e la profilazione dell’efficacia e della sicurezza degli ADC. Inoltre il Gruppo produce in GMP i Drug-Linkers dati in licenza.
 
Christian Rohlff, CEO di OBT, ha commentato: “Stiamo facendo progressi eccellenti riguardo al nostro obiettivo di diventare leader mondiali nello sviluppo degli ADC per la cura dei tumori. Siamo molto soddisfatti di avere siglato l’accordo con NMS che ci consente di accedere ad una tecnologia di nuova generazione nel campo degli ADC e desideriamo iniziare a lavorare con il team di NMS per sviluppare nuovi candidati farmaci concepiti per rispondere agli unmet needs in oncologia”.

Andrea Agazzi, Presidente di NMS Groupha commentato: “Siamo lieti di avere siglato questo accordo di licenza con Oxford BioTherapeutics e riteniamo che la loro esperienza nello sviluppo degli anticorpi coniugati ci permetterà, insieme, di capitalizzare in pieno il potenziale della nuova generazione di tecnologie drug linker di NMS, sviluppando così nuovi trattamenti in grado di migliorare le vite dei pazienti affetti da tumore.”

About Oxford BioTherapeutics:
Oxford BioTherapeutics is a privately-held biotechnology company which is developing a range of innovative antibody-based therapeutics with antibody drug conjugate (ADCs) and immuno-oncology approaches for the treatment of cancer. The company’s therapies are directed at targets selected from an exclusive cancer proteome database generated on its proprietary OGAP® platform targeting cell surface proteins. These incorporate novel antibody and drug-linker technologies accessed from leading companies in the field. OGAP® is the world’s largest cancer library with over 5,000 cancer cell proteins providing unique, highly-valuable oncology targets.

Oxford BioTherapeutics entered a strategic agreement with Menarini in 2012 to accelerate the development of its ADCs, under which Menarini provides clinical and manufacturing expertise and potential investment of up to $1 billion, plus potential milestone and royalty payments, in exchange for commercial rights in Europe, Asia and Latin America. Oxford BioTherapeutics retains commercial rights in the US and Japan.

Oxford BioTherapeutics has a strong management team with significant experience in developing antibody-based therapies. The company is based in Oxford, UK and San Jose, CA.

For further information, please see, www.oxfordbiotherapeutics.com 

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata NMS Group e le società controllate utilizzano cookies, anche di terze parti.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità della nostra  
Cookie Policy.